Il castagno è un legno chiaro particolarmente venato e ricco di sonorità, di cui crescono diverse specie in tutti i continenti.

Caratteristiche fisiche

Il colore del castagno varia a seconda della specie, solitamente quello americano risulta più scuro rispetto a quello europeo che ha una tonalità panna/beige, con qualche sfumatura rosata.

Ha un peso specifico intorno ai 550Kg/m3, cioè circa come il frassino di palude (swamp ash), al quale assomiglia molto anche come tipo di venatura, anche se risulta più poroso e meno compatto.

Le venature lunge e più morbide rispetto al resto fanno sì che il castagno tenda ad essere sensibile alla rottura longitudinale, soprattutto durante la stagionatura, che deve essere prolungata per garantire una buona stabilità delle fibre. Questa caratteristica però lo rende uno di quei legni, come il frassino e il pino, adatti alla spazzolatura, che scava le venature e permette di stuccarle con tinte più scure e creare un bellissimo effetto striato.

Il suo peso contenuto e il suo aspetto rustico lo rendono un ottimo legno per corpi e top, per i quali di solito si usa la sua variante marezzata, che combina venature longitudinali a marezzature trasversali.

L’albero di castagno, soprattutto quello europeo, non raggiunge diametri particolarmente, e questo fa si che le tavole ricavate abbiano dei punti con venature dritte, e altri con venature figurate. Questo lo rende un legno difficile da tingere con i mordenti perché la vena irregolare assorbe i pigmenti in maniera molto imprevedibile.

Caratteristiche timbriche

Avendo la struttura fisica molto simile a quella del frassino, il suono del castagno assomiglia molto a quello del suo parente nobile. La differenza principale è nella porosità, infatti il castagno perde un po’ della presenza delle medie caratteristica del frassino per lasciare spazio a delle alte frequenze molto presenti e ammorbidite, con una base di bassi equilibrati e avvolgenti.

La chitarra made in Ross Back Into The Woods ha il corpo in castagno e il risultato è un bel corpo sonoro, con un attacco prepotente e una risposta che ti fa sentire un’entità unica con le corde; una chitarra estremamente dinamica e malleabile.

Ho usato il legno di castagno anche per il top della Deep Bluequesta volta un bel top marezzato aperto a libro, che tinto di blu sembra mare. Accoppiato ad un corpo di cipresso molto medioso e squillante, tende a smorzarne la brillantezza, senza togliere quell’attacco travolgente che è la caratteristica principale di questa chitarra.

Ho già in costruzione una simil jaguar in castagno che avrà una finitura naturale. Continuerò ad usare questo legno, mi ha dato grandi soddisfazioni: è bellissimo, leggero e suona bene. Cosa si può volere di più?

In dettaglio